Blog

I tre miti da sfatare sul 5G

Si parla tanto dell’arrivo del 5G, ma le perplessità sono ancora tante: sfatiamone alcune!

L’arrivo del 5G, che farebbe viaggiare i dati in maniera di gran lunga più veloce rispetto al 4G, nonostante questo e gli altri vantaggi che ci si aspetta, desta comunque ancora molte preoccupazioni, nonchè accesi dibattiti.

Sfatiamo quindi tre miti che girano intorno a questa innovativa nuova rete!

La prima paura, condivisa da molti, è quella che il 5G possa in qualche modo aumentare il rischio di tumori tra i cittadini, dato che le frequenze operative saranno molto più elevate rispetto a quelle utilizzate dal 4G e saremo tendenzialmente più esposti alle onde elettromagnetiche. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha però sfatato questo mito dichiarando che in realtà, attraverso appositi studi ed esperimenti, non è stato rilevato alcun danno derivante da questa nuova tecnologia.

Da sfatare è anche la teoria secondo la quale saremo molto più esposti alle onde elettromagnetiche, con conseguenti danni irreversibili al sistema immunitario. Sembra infatti che i valori fino ad ora riportati non siano diversi da quelli registrati con le reti utilizzate fino ad ora.

La preoccupazione più grande, sfociata poi in vere proprie manifestazioni post lockdown causato dalla diffusione del virus Covid 19, è che il 5G possa andare completamente a ledere la nostra privacy, un punto che ha scaldato gli animi in tutto il mondo e sul quale ancora si cerca di fare chiarezza tra rischi reali e fantasie complottiste. 

Ciò che di vero c’è è che la crisi messa in atto dall’arrivo del Coronavirus ci ha portati a mettere in dubbio tutto ciò in cui credevamo fermamente fino a pochi mesi fa, ma senza dubbio non bisogna abbassare la guardia sulla pericolosità di un virus che ha messo in ginocchio il mondo intero e che quindi ci costringe tutt’ora a dare un’attenzione sempre maggiore all’igiene, anche quella degli smartphone, sulle cui superfici non si annidano i “pericoli” del 5G, ma batteri e germi che in questo momento sono molto più pericolosi e possono essere eliminati completamente tramite i raggi UV e l’ozono presenti nel Dudùu Pod, un piccolo accessorio tascabile nel quale inserire il nostro dispositivo per ritrovarlo completamente sterilizzato e carico.

ARTICOLI CORRELATI

Inserisci la tua parola chiave