Blog

WhatsApp e la questione della privacy: è boom di iscritti per Telegram e Signal

Milioni di persone in tutto il mondo stanno valutando la possibilità di abbandonare la piattaforma di messaggistica istantanea WhatsApp e passare, invece, ad alternative che, secondo gli utenti, offrono una migliore protezione dei dati e della privacy, in seguito all’annuncio delle modifiche al modo in cui l’app condivide le informazioni con la sua società madre, Facebook.

La scorsa settimana, WhatsApp ha chiesto ai suoi oltre 2 miliardi di utenti globali di accettare nuovi termini per quanto riguarda il modo in cui condivide le proprie informazioni personali con Facebook entro l’8 febbraio, altrimenti non saranno più in grado di utilizzare i suoi servizi.

Cosa cambia, quindi? Dall’8 febbraio, per continuare a usare Whatsapp bisognerà accettare le nuove condizioni. In Italia e nel resto d’Europa, dove dal 2018 è in vigore il regolamento per la privacy Gdpr, i cambiamenti sono minimi.

La chat bot potrebbe persino somigliare alla persona reale. “Sotto alcuni aspetti, la voce della persona specifica potrebbe essere generato utilizzando registrazioni e dati sonori relativi alla persona”, afferma il brevetto.

Inoltre, “un modello 2D / 3D dell’utente può essere generato utilizzando immagini, informazioni di profondità e dati video associati alla persona specifica”.

Il brevetto di Microsoft potrebbe incarnare (virtualmente) qualsiasi persona, un nostro amico, un parente, un conoscente, una celebrità, un personaggio immaginario, una figura storica, un personaggio casuale…

“La persona specifica può anche corrispondere a se stessi (ad esempio, l’utente che crea/addestra la chat bot”, aggiunge il brevetto, aumentando la possibilità che le persone formino una versione digitale di se stesse che sopravvivrà per sempre.

La mossa, tuttavia, ha innescato una protesta da parte degli utenti di WhatsApp, con molti che hanno deciso di scaricare nuove app di messaggistica istantanea considerate più sicure, attente a minimizzare la raccolta dei dati, come Signal e Telegram.

Le preoccupazioni degli utenti riguardano la raccolta di metadati effettuata da WhatsApp: le informazioni che possono essere estratte e collegate al dispositivo di un individuo, inclusi la lista dei contatti, la posizione e la cronologia degli acquisti .

Gli utenti hanno iniziato a preoccuparsi maggiormente quando, la scorsa settimana, hanno iniziato a ricevere notifiche secondo cui alcuni dei loro dati potrebbero ora essere condivisi con la società madre Facebook e le sue altre sussidiarie.

Dobbiamo davvero preoccuparci?

Tuttavia, nonostante il clima allarmistico generalizzato, le nuove regole sulla privacy non influiscono sulla funzionalità più centrale di WhatsApp: la crittografia end-to-end che garantisce che solo mittenti e destinatari possano vedere il contenuto effettivo dei messaggi inviati sulla piattaforma, almeno tra singoli individui.

Ciò che sarà soggetto a modifiche in base alle nuove regole, tuttavia, è il modo in cui i dati dell’utente vengono gestiti quando si interagisce con un account aziendale.

Sia che tu stia comunicando con un’azienda per telefono, e-mail o WhatsApp, quest’ultima può accedere alle tue informazioni e conversazioni, utilizzandole per i propri scopi di marketing, che possono includere la pubblicità su Facebook“, è stato dichiarato in un post sul blog di WhatsApp che delinea la nuova disposizione.

Vogliamo essere chiari sul fatto che l’aggiornamento delle norme non influisce in alcun modo sulla privacy dei tuoi messaggi con amici o familiari.”

Secondo WhatsApp, alcune delle modifiche che influenzano il modo in cui i dati di una persona vengono gestiti sono facoltative. Inoltre, quando i dati vengono condivisi con Facebook, gli utenti riceveranno anche una notifica sull’app che spiega come vengono utilizzati, mentre le aziende che utilizzano i servizi di hosting di Facebook saranno chiaramente etichettate.

Cambiare o non cambiare?

Sia Signal che Telegram sono stati i beneficiari dei problemi di WhatsApp. Secondo Signal all’inizio di questa settimana, ha continuato a “infrangere i record di traffico”, mentre Telegram ha detto martedì di aver aggiunto 25 milioni di utenti nei tre giorni precedenti.

Per il momento, tuttavia, queste piattaforme non sono adatte a sostituire completamente WhatsApp, per il semplice motivo che non possono ancora competere con la sua base di oltre 2 miliardi di utenti.

I dati raccolti dai clienti, infatti, verranno condivisi con Facebook, dove potrebbero essere utilizzati per finalità di marketing, come la pubblicità mirata, o a quelle che vendono su Facebook Shops e possono farsi contattare su WhatsApp. Questo è il settore a cui prestare attenzione, perché l’intenzione di Mark Zuckerberg è di farci usare sempre di più la sua famiglia di app per acquisti e pagamenti.

ARTICOLI CORRELATI

Inserisci la tua parola chiave